Prosegue la passarella di Maison del nostro Atelier

Procediamo con la passerella delle aziende presenti all’Atelier dello Champagne del Wine Tasting Varese presso il Palace Grand Hotel di Varese i prossimi 24 e 25 marzo.

Nel cuore della Côte de Bar è situata una bellissima tenuta dove ha sede la Maison Devaux fondata nel 1846, la cui storia è stata legata alla famiglia originaria fino al 1987, quando è subentrata l’Union Auboise con a capo Laurent Gillet. Particolare non indifferente riguarda la storia di questa cantina che, quando era in mano alla famiglia Devaux, la conduzione è stata quasi sempre diretta dalle donne “di casa”, impostando uno stile aziendale centrato sulla finezza e l’eleganza. Tre le etichette in assaggio all’Atelier dello Champagne. La “D” Cuvée etichetta d’ingresso della linea “D”, frutto di una selezione di uve Pinot Nero e Chardonnay e passa sui lieviti almeno 5 anni prima di essere messa in commercio. La “D” Cuvée le Rosé ha sempre la stessa composizione ma dove una parte del Pinot Nero ha fatto una lieve macerazione in rosato. Terza etichetta riguarda l’eccellente millèsime 2008, grandissima annata per lo champagne, ottenuto dalle migliori parcelle di Chardonnay e Pinot Nero in parti uguali, con una maturazione sui lieviti di ben 8 anni minimo.

Ci spostiamo adesso a Reims al famoso civico 81 di Rue Coquebert, dove ha sede la prestigiosa Maison Henriot. Fondata nel 1808, la fama di questa cantina ( e anche quella di altre…) la si deve principalmente ad uno degli uomini più potenti della Champagne Joseph Henriot, prematuramente scomparso nel 2015. Dal 2005 è entrato in cantina Laurent Fresnet, come chef de cave e premiato come “Sparkling Winemaker of the year” dall’International Wine Challenge, nel 2015 e nel 2016. Lo stile della maison ruota soprattutto intorno ai vini bianchi ottenuti da Chardonnay con un’alta percentuale di Premier e Grand Cru. Purezza cristallina potrebbe essere la sintesi adatta per descrivere i loro vini. A Varese assaggeremo il Brut Souverain, prodotto particolarissimo perché associa la florealità, il fruttato bianco e gli agrumi, alla complessità “matura” vista l’impiego considerevole di vini di riserva. In degustazione anche il Brut Rosé di grande freschezza e dai piccoli frutti rossi maturi e concludiamo con la florealità e la mineralità del Blanc de Blancs.

Trasferendoci nel piccolo villaggio di Chavot-Courcourt sulle dolci colline a sud di Epernay, dove troviamo l’azienda Lebau-Batiste, a conduzione famigliare da diverse generazioni. Vini di piena purezza espressiva e ricchi di personalità. Avremo la fortuna di assaggiare quattro bellissime cuvée tra il ventaglio delle loro etichette. Vi consigliamo di iniziare con il Grande Réserve Blanc de Blancs da chardonnay in purezza dal profilo olfattivo agrumato ed esotico. Potrete passare poi al Rosé ottenuto con l’aggiunta del Coteaux Champenois Rouge nella misura del 10%, avremo poi il Millesimato 2012 ottenuto da 60% Chardonnay, 20% Pinot Nero e 20% Meunier e prodotto solo nelle grandi annate. Un finale ricco con la Cuvée SelectionElevè en fût de chêne”, dalle piacevoli note mielose, burrose e vanigliate, date dal passaggio in legno dei vini base.

A presto con il racconto di altre Maison e dei fantastici champagnes che troverete in degustazione nel nostro Atelier.