Atelier Champagne & Vip Lounge Food

Saranno Ventitré i produttori che animeranno l’Atelier dello Champagne, divisi tra grandi rècoltants e celebri maisons, provenienti da tutte le zone della rinomata regione viticola d’oltralpe. Andremo ad elencarle in rigoroso ordine alfabetico, indicando quella che rappresenterà l’etichetta di prestigio tra tutte quelle che ci saranno in assaggio. Particolare interesse sarà focalizzato sul trend in crescita del consumo che vede sempre più privilegiare le cuvée con un basso dosaggio.

Esclusività nell’esclusività, perché l’accesso a questo Atelier sarà solo per le 300 persone che hanno acquistato il loro biglietto “Gold” in prevendita.

Allacciatevi le cinture e partiamo nel nostro viaggio all’interno dell’Atelier con l’azienda Aubry con l’etichetta Le Nombre d’Or “Campanae Veteres Vites” 2013, una particolare cuvée dove, in assemblaggio con i vitigni classici della champagne, troviamo anche tutti gli altri vitigni complementari. Si parlava appunto delle tipologia Pas Dosé ed ecco che Ayala propone il loro Brut Nature dal gusto secco ma dalla piacevolissima beva. Una delle etichette più prestigiose del Wine Tasting Varese di quest’anno sarà la Grande Année 2007 di Bollinger, bolla che non ha bisogno di altre spiegazioni. Passiamo ora da Bruno Paillard e troviamo un grande champagne ottenuto da sole uve Chardonnay, ovvero il Blanc de Blancs targato 2006. E’ il momento di altri tre grandi Blanc de Blancs in successione e rispettivamente saranno quelli di Castelnau, in questo caso ci sarà la 2004 in assaggio, poi troviamo la 2006 proposta invece da Chateau de Bligny e poi il millesimato 2013 di Comte de Montaigne.

Da Delaplace si potrà degustare invece il raffinato Trilogie da uve dei vigneti più vecchi. Una delle più rinomate annate in Champagne è stata la 2008 e da Devaux potremmo assaggiare il loro Brut Millesimato. Ci spostiamo da Dumenil e in degustazione ci sarà uno champagne in tiratura limitata perché ottenuto da uve di una singola parcella premier cru denominata “Les Pêcherines”. Altra prestigiosa maison della Côte de Blancs è la Duval-Leroy che propone il loro ottimo Blanc de Blancs 2006. Così come un altro grande Blanc de Blancs è quello proposto da Jamart nella versione 2010. Uno dei re del vitigno Pinot Nero è invece Egly-Ouriet che propone il millesimato 2007 da uve Grand cru, uno champagne che mixa carattere e freschezza.

Non mancheranno nemmeno degli ottimi Champagne Rosé e infatti, uno di questi, è quello firmato dall’azienda Gaston Chiquet. Ci spostiamo adesso nell’Aube e troviamo la cantina Gautherot che propone una forte espressione dell’annata 2011 a base Pinot Nero. Il millesimo 2006 sarà protagonista anche dalla maison Henriot con il suo brut millesimato. Altri grandi maison presenti al WTV saranno la Lanson che propone il Gold Label millesimato 2008, la Laurent-Perrier con il millesimato 2007 e Paul Bara con il millesimato Grand Cru 2010. Da Mesnil-sur-Oger provengono invece gli champagnes di Philippe Gonet dove in assaggio ci sarà il Blanc de Blancs Signature “firmato” dalla loro produttrice Chantal Gonet. La Philipponnat è un’azienda che si potrebbe definire un Récoltant vestito da Négociant e in assaggio ci sarà il Grand Blanc 2008. Sempre 2008 è il millesimo del Blanc de Noirs di Roger Coulon. Terminiamo il nostro viaggio, ma non per questo con la meno importante, perché abbiamo l’azienda Veuve Cliquot che calerà ben tre assi dalla loro manica.

A impreziosire la splendida cornice dell’Atelier dello Champagne nella piccola Vip/Lounge Food ci saranno anche tre aziende dell’area food. Ad accompagnare le etichette francesi ci saranno infatti i salmoni Norvegesi di Fjord sino ad arrivare a quelli rossi dell’Alaska di Upstream, vera perla rara del settore. Quest’ultima avrà anche una chef che preparerà dei finger food nel corso della manifestazione, mentre il Caviale Tradition sarà quello firmato Calvisius.

Perché al Wine Tasting Varese 2018 non ci facciamo mancare nulla ..